Archivio mensile:maggio 2016

Bergamo si porta sul 2-1, la Gagà adesso non può sbagliare

La serie è sull’1-1, ma non è un nulla di fatto per i bergamaschi, che per questa gara e la prossima possono contare sul vantaggio del campo amico di via dello Statuto. Orzinuovi, dal canto suo, non ha paura ed è decisa a giocarsela fino in fondo. All’Italcementi inizia tutto secondo le previsioni, con le due squadre che entrano aggressive e corrono dai primi istanti con tutto quello hanno. Ruggiero ci mette neanche tre secondi a segnare i primi due punti, poi Planezio e Valenti ne fanno uno ciascuno e tutto ciò in 43 secondi di gioco. Il ritmo rimane alle stelle e soprattutto un Ghersetti formato serie A costringerà Furlani al primo timeout all’8, dopo aver fatto canestro con fallo, sul punteggio già altissimo di 19-15. Al rientro non lo scossone non arriva ancora. Ghersetti completa il gioco da tre punti, Pullazi fa subito un altro canestro e a rispondere c’è solo un 1/2 dai liberi di Valenti. La gagà non muore, ma non accorcia mai. Si arriva al 9′, Milani segna, risponde Genovese, ma è lo stesso Milani a infilare subito dopo la tripla del +9 (27-18). A 35” dalla fine Ruggiero la imbusta anche lui da tre, poi il canestro dell’ex Chiarello, seguito dalla tripla di Tex Bomb Tessitore fissano il risultato sul 29-24 alla prima sirena. I secondi 10 minuti iniziano con le stesse premesse del primo quarto, se non che le difese si sono decisamente alzate e le squadre faticano a segnare. A parte la tripla iniziale di Mercante seguito dal 2/2 in lunetta di Ruggiero, bisognerà aspettare il 12′ inoltrato per vedere un altro canestro. Segna ancora Ruggiero, poi Chiacig, risponde Chiarello e poi ancora il Ghiaccione mette un canestro con fallo. Il libero non va, ma Orzinuovi è tornata in pista (34-32 al 14′). La partita prosegue in una situazione di sostanziale parità, finché è ancora Ghersetti a costringere al timeout Furlani. È il 17′ e il distacco è tornato di sei punti (42-36). Non cambierà nulla, a livello di gioco, fino al 20′, se non che i cronometri premiano Bergamo per numero di azioni, che può concludere con i due liberi di Pullazi che allungano di ulteriori due punti e fanno segnare il +8 sul tabellone (51-43). Orzinuovi parte con uno 0-6 che fa ben sperare, ma la tripla seguente di Pullazi spegne un po’ gli animi, tanto che il per il prossimo canestro il pubblico dovrà aspettare il 24′, con Ghersetti prima e la tripla di Scanzi dopo, che mettono in seria difficoltà i ragazzi di coach Furlani, che è costretto a richiamare all’ordine i suoi con un timeout (59-49). Al rientro c’è subito una palla persa per gli ospiti, che innescano il contropiede di Scanzi: prende fallo, fa 1/2 in lunetta e firma il massimo vantaggio (60-49 all’inizio del 26′). I tentativi di ripresa della Gagà arrivano, soprattutto per iniziativa di Bona, che prima mette la tripla, poi fa canestro e va anche a mettere un 2/2 in lunetta (62-56 al 27′). Mercante però si gasa, fa fallo e canestro al 28′, concludendo il gioco da tre punti, e in più Bona non riesce a trasformare il libero conseguente al tecnico fischiato a Bloise, che secondo i direttori di gara ha avuto troppo da ridire. Come se non bastasse per gli orceani, Panni va ad allungare ulteriormente con due liberi, che quando manca 1’34” alla terza sirena vogliono dire 67-56. Bona va subito a rispondere con una tripla, ma negli ultimi 60 secondi si vedono solo un canestro di Milani e il 2/2 in lunetta di Cantone. Il tabellone segna 69-61, ma soprattutto sembra che nessuno sappia più cosa inventarsi. Il quarto quarto inizia infatti con più di un minuto e mezzo di stallo. A sbloccare il risultato è il 2/2 in lunetta di Valenti, che fa arrabbiare Ghersetti e gli risponde subito all’azione seguente. Una caduta di Valenti fa temere il peggio, ma il capitano se la sente e rimane sul parquet. Fino al 34′ si vedono solo un 1/2 ai liberi per parte, prima Panni e poi Valenti, quando poi Mercante la mette da tre punti riportando i suoi sul +11 (75-64). Reazioni non se ne vedono consistenti e, da quando Scanzi fa il canestro dell’81-68 al 36′, la Gagà fa solo altri 4 punti. Le cose da scrivere rimangono poche, se non che al 40′ il tabellone mostra l’84-72 finale, che consegna gara 3 alla Co.Mark Bergamo.

Il commento a caldo di coach Furlani: «Bergamo ci ha messo subito sotto, con maggiore energia fisica e mentale. Abbiamo tentato di reagire col cuore, ma sempre in maniera altalenante, senza mai fare due cose bene di fila, che avrebbero potuto darci fiducia e un ritmo maggiore. L’inerzia della partita, in questo modo, è sempre stata in loro controllo e non è bastato il cuore che ci abbiamo messo fino alla fine. Gli ultimi cambi sono serviti per togliere minutaggio a giocatori sfiniti da una partita che è stata molto impegnativa e sfiancante.»

Manuel Caldarese – Ufficio Stampa ASD Pallacanestro Orzinuovi

Orzinuovi lotta con il cuore e pareggia la serie!

Gara 2 inizia con 10 iene in campo che corrono per tutto il campo come se non ci fosse un domani e la situazione rimane sempre di sostanziale parità. I due punti di vantaggio al 10′ è firmato da Bloise, che con una tripla conclude il primo quarto sul 19-21. Poche fino a ora le azioni salienti, e la seconda frazione di gioca inizia sugli stessi presupposti fisici. La palla però non entra: servono due minuti e mezzo per mandare a segno un canestro, con Scanzi che la spara da tre al 13′. L’allungo bergamasco prosegue, anche se lentamente, finché al 15′ Furlani si procura un fallo tecnico che fa temere il peggio per i padroni di casa. Il punteggio è già di 22-29 in questo momento e Panni allunga col libero e firma il +8. La situazione però, al posto di declinare definitivamente, si ristabilizza. Furlani, forse il coach più composto del campionato, va in trance agonistica, si sbraccia e chiama il pubblico. La curva Kanker non fa attendere la risposta e anche i ragazzi infiammano la bolgia in pochissimo tempo. Prima Valenti fa 1/2 in lunetta, poi sempre il capitano va a fare un 2/2 ed è infine Ruggiero con la tripla al 17′ a costringere coach Ciocca al timeout (28-30). La situazione è di sostanziale parità, ma Orzinuovi si vuole prendere tutto. Scorrono i secondi inesorabilmente e, quando ne mancano solo 40, Matteo Motta la spara dai 6,75 e firma il vantaggio per i padroni di casa (31-30). Ghersetti dall’altra parte restituisce subito il favore con una bomba, ma a 4” dalla seconda sirena Mercante spende fallo su Valenti, che va in lunetta a fissare il momentaneo 33-33 con un altro 2/2. Tutto da rifare per i ragazzi di coach Cece Ciocca, ma soprattutto ci sono 20 minuti per Orzinuovi, che è costretta a prendere in mano le redini della partita e fissare la serie sull’1-1. È costretta e lo fa subito, con Ruggiero che mette due triple, che conditi da due canestri di Valenti, a fronte solo di due punti di Chiarello, costringono Ciocca al timeout (43-35 al 22′). In un due minuti i bergamaschi ricostruiscono un piccolo vantaggio, grazie a Milani che segna il quarantanovesimo punto (48-49 al 26′). Tutto da rifare per la Gagà, che fino al 30′ non sfonda ma regge il colpo punto su punto (55-58 al 30′). Al quarto quarto di gioco i ragazzi riescono a portarsi nuovamente in vantaggio con la tripla di Cantone al termine del 33′. Ciocca non ci sta, e richiama i suoi all’ordine col timeout (66-65). Mancano 180 secondi esatti, quando Perego mette l’1/2 in lunetta che fissano il momentaneo 72-70. Dall’altra parte arriva Panni, che la spara da tre, sbaglia ma prende fallo e i suoi tornano a +1 (72-73). Ghersetti fa 1/2, poi Perego non sbaglia i due tiri liberi che mandano il tabellone sul 74-74 al 38′. Fino alla fine non succede niente, neanche quando Panni si inventa un assist a 23” dal termine, che però non capisce nessuno e manda Orzinuovi a raccogliere il pallone per poi giocarsi l’ultimo possesso. Penetrazione di Bona, che scarica a Perego, ma il tiro trova solo il ferro ed è overtime. Gli ultimi 5′ supplementari sono una partita a suon di tiri liberi. Non sbaglia quasi nessuno, finché Tex Bomb Tessitore non si butta in area a concludere il gioco da tre punti, subendo fallo e facendo canestro, che manda i padroni di casa sull’83-77. Segna Ghersetti, poi Bona fa 1/2 a 2:07 dal termine, e il successivo 2/2 in lunetta di Milani riapre la partita. Manca 1’24” e l’84-81 sul tabellone non basta per cantare vittoria. Sarà il tecnico assegnato a Ghersetti, sopo il fallo su Bona ad ammazzare la partita. Bona fa 3/3, e l’ultimo 2/2 di Genovese sono gli ultimi punti di quell’89-81 che il tabellone sentenzia al 45′. Significa 1-1, e significa soprattutto una serie ancora più accesa tra le due compagini che puntano dritto alla finale di playoff.

Manuel Caldarese – Ufficio Stampa ASD Pallacanestro Orzinuovi

Orzinuovi inizia in salita: al PalAmbienti finisce 73-80

Il primo quarto inizia mettendo in scena due squadre scatenate e decisissime a iniziare col botto questa semifinale incandescente. In meno di 5 minuti il punteggio è già sul 10-7 in favore degli orceani. Le difese non sono però sul parquet per una passerella, soprattutto al 4′, quando la Gagà riesce a incassare un fallo in attacco di Ghersetti, con la conseguente risposta degli uomini di Cece Ciocca, che costringono Valenti allo sfondamento proprio l’azione seguente, pareggiando i conti. Entra Scanzi, che al 5′ infila subito un canestro, sbloccando così lo stallo. Valenti non ci sta e risponde andando a prendere un rimbalzo in cielo, per poi subire il fallo di Pullazi e fare 2/2 in lunetta (12-9 al 5′). Ha poco da sorridere però la curva Kanker, perché Scanzi fa subito un altro canestro e all’azione seguente ruba il pallone a Mazzucchelli, mentre stava ancora impostando, per poi segnare senza problemi il sesto punto e il momentaneo sorpasso. Il tabellone mostra 12-13 per la Co.Mark, e Furlani interrrompe con un timeout, quando mancano 2’05” alla prima sirena. Si rientra con Perego in lunetta (1/2), ma soprattutto con Valenti che 30 secondi dopo la inchioda a due mani su assist di Ruggiero (15-13 al 8′). Il pareggio sostanziale tra le due compagini prosegue fino al termine del primo quarto, che si chiude con una tripla di Bloise (17-18). Il secondo quarto inizia con un Ruggiero scatenato: prima un tripla, poi il solito 2/2 in lunetta, ancora un tripla e poi un canestro (10 punti per lui in questi primi 3 minuti). Bergamo, dal canto suo, non si è per niente ammorbidita. Rimane sul pezzo e la tripla di Planezio al 15′ li rimette a -2 (29-31). L’allungo vero dei bergamaschi avverrà al termine di questa seconda frazione di gioco. Al 17′ gli arbitri convalidano una tripla a Ghersetti per un’interferenza a canestro, nella zuffa creatasi al rimbalzo. QUalche istante dopo Ruggiero manda un passaggio direttamente nelle mani della difesa bergamasca, regalando un possesso. Manca 1’04” all’intervallo e Furlani interrompe con un timeout (34-39), ma la squadra non riuscirà ad andare a riposo più tranquilla. 2/2 in lunetta di Valenti, tripla di Panni, 1/2 ai liberi di Bona e subito la risposta di Panni che, a due secondi dalla sirena, prende fallo e va a fare 2/2 (37-44 al 20′). Il terzo quarto si apre con una tripla di Ghersetti che firma il +10 ospite (37-47 al 21′), poi la Gagà accorcia un po’ alla volta, ma sempre troppo poco, senza infilare mai un buon parziale. Basterà la tripla di Bloise al 26′, per scongiurare il rinnovato pericolo orceano e mantenere un buon distacco (48-56). Coach Furlani vuole impostare al meglio gli ultimi 3 minuti e chiama timeout. Ancora una volta, però, giova di più alla Co.Mark. Mercante mette subito la tripla del 48-59, mentre la Gagà collezionerà soltanto altri quattro punti per mano di Valenti. È di 52-59 il risultato al 30′ e una scossa vera tarda ancora ad arrivare. In tre minuti si vedono solo i canestri di Valenti e di Planezio, finché la serata non viene rivitalizzata dalla tripla di Cantone al 36′. Risponde dai 6,75 Planezio, ma Ruggiero controrisponde ancora da tre (65-75). Ce la si può ancora fare, ma la difesa di coach Cece Ciocca si fa ancora più stringente e a tutto campo. Perego è costretto all’infrazione di passi, e da questo episodio sembra non esserci più nulla da fare. Orzinuovi si arrende, e al termine della partita il tabellone mostrerà il definitivo tra le grida di gioia dei tifosi bergamaschi accorsi a incitare i suoi.

Manuel Caldarese – Ufficio Stampa A.S.Dil. Pallacanestro Orzinuovi

Il Preview della serie tra Gagà Milano OrziBasket e Comark Bergamo

È tempo di grandi sfide a Orzinuovi, dove domenica 15 maggio, in un PalAmbienti che si prospetta gremito, si sfideranno in semifinale playoff la Gagà Milano Orzibasket e la Co.Mark Bergamo, che in stagione regolare si sono aggiudicate rispettivamente secondo e terzo posto in classifica. Tutto secondo pronostico, anche se ora fare previsioni sembra molto più complesso. Nei precedenti di quest’anno, infatti, si è registrato un sostanziale equilibrio, con una vittoria a testa per queste due corazzate che si daranno battaglia in una serie al meglio delle cinque partite (semifinale e finale prevedono questa formula). Orzinuovi, nel suo quarto di finale, dopo lo spavento di gara 1 in cui aveva disputato una partita decisamente al di sotto del proprio potenziale, ha mostrato una più che positiva reazione in gara 2, quando in un campo ostico come quello di Vicenza ha saputo dare prova di notevole maturità sia dal punto di vista offensivo, che da quello difensivo e mentale. È proprio grazie a quest’ultimo aspetto che i ragazzi di coach Furlani hanno saputo gestire al meglio l’incontro, riuscendo a ricacciare indietro i vicentini ogniqualvolta questi provavano a metterne in discussione il risultato, spinti tra l’altro da un ispiratissimo Andrea Campiello. I bergamaschi hanno sofferto un po’di più contro la tenace Lecco, archiviando la pratica solo alla “bella”. C’è da dire che anche in stagione regolare non era andata per il meglio, con due sconfitte in altrettanti incontri per la Co.Mark. In questo quarto di finale, dopo l’equilibrio dei primi due match, sono emerse la solidità e la profondità dell’organico a disposizione di coach Cece Ciocca. In cui spiccano senza dubbio l’argentino Ghersetti e l’ex Alessandro Panni, autori rispettivamente di 16.6 e 12 punti di media nella prima serie playoff. Ci si aspetta quindi una battaglia senza esclusioni di colpi tra la seconda e la terza forza del campionato, il cui obiettivo dichiarato dall’inizio della stagione è lo stesso: la promozione in serie A2. La strada è ancora lunga ma ora bisogna pensare al presente. Ed il presente è questa affascinante sfida che appassionerà e non priverà di colpi di scena gli spettatori.

Andrea Muzio – Ufficio Stampa A.S.Dil. Pallacanestro Orzinuovi

Una bella OrziBasket chiude la serie in quel di Vicenza, ora semifinale!

Gara 2 inizia subito su ritmi alti per entrambe le squadre, anche se Vicenza non riesce subito delle buone offensive, complice un Cantone on fire che porta subito la Gagà in un’ottima situazione. Il play degli orceani avrà messo a segno già 9 punti al termine del primo quarto, oltre ad aver subito uno sfondamento provvidenziale al 4′, che ha poi aperto la strada per un gioco da tre punti concluso bene da Perego, seguito subito da un altro canestro di Cantone. Coach Tisato chiama timeout, e la sua strigliata ha subito i suoi effetti. Vicenza piazza il parziale del pareggio grazie a una tripla di Boaro, un canestro di Nobile e un’altra tripla, stavolta sparata dalle mani di Valesin al 7′. 14-14, e per Orzinuovi è tutto da rifare. Stavolta è coach Furlani che ha bisogno del timeout, ma l’effetto è solo quello di una battuta d’arresto della grinta dei veneti. Fino al termine del primo quarto si vedranno infatti solo un paio di canestri per parte. Boaro e Valesin per le casacche rosse, mentre per la Gagà due punti di Bona e un 1/2 in lunetta di Chiacig. Tutto ciò vuol dire sorpasso di Vicenza, che conduce 18-17 al 10′. Il secondo quarto sembra avere lo stesso copione. In poco Orzinuovi mette sotto vicenza, grazie anche al tris di bombe rifilate da Ruggiero, Motta e infine Genovese al 13′, che vogliono dire 23-32, ma i ragazzi di coach Tisato non scompaiono mai e, con una ripresa lenta ma incessante, si ritrovano in una situazione di sostanziale parità a un minuto dalla seconda sirena, grazie a una tripla di Benassi che fa scrivere sul tabellone 39-41. Gli ultimi sessanta secondi mettono in scena solo un canestro di Ruggiero, mandando così negli spogliatoi le due squadre sul 39-43. Il terzo quarto fa vedere l’infinità di soluzioni sulle quali può contare Orzinuovi e, nonostante non sia tutto rose e fiori, la Gagà prende in mano le redini della partita. L’inghippo del fallo antisportivo di Perego al 22′, per un contatto lontano dalla palla, sembra dover far temere il peggio, ma l’offensiva orceana costringe a troppi falli i vicentini e, la tripla di Mazzucchelli al 25′, seguita subito dopo dal canestro di Bona, mettono gli ospiti sul 43-56, finora il massimo vantaggio. Tisato chiama subito timeout, ma non avviene subito la scossa sperata. Fino al 29′ si vede solo un canestro di Nobile e un 1/2 in lunetta di Umberto Campiello, ma anche l’attacco dei ragazzi di coach Furlani sembra andato in panna. Negli ultimi sessanta secondi la situazione non migliora. Segna Valesin, poi l’insolito 1/2 in lunetta di Pasqualin aiuta a tenere sotto i 50 punti i padroni di casa, che si devono accontentare di un momentaneo 49-56. Gli ultimi 10′ sono animate dalle mani caldissime di entrambe le compagini, che continuano a segnare. Ha sempre la meglio Orzinuovi, che al 35′ conduce 58-71 grazie a un’altra tripla di Cantone. Poi segna subito Andrea Campiello e il fallo tecnico assegnato a Cantone, che secondo l’arbitro usa qualche parola di troppo, fa rientrare in partita Vicenza (60-71 al 36′). Benassi segna il libero, e il conseguente possesso viene trasformato in 3 punti da Pasqualin. 64-71, ma Orzinuovi non la vuole perdere. Nobile si trova da solo in contropiede, ma spunta Bona a rifilargli una bellissima stoppata che placa gli umori del pubblico di casa. Le forze in campo, però sono le stesse. Andrea Campiello segna la tripla del -4 al 38′ e la conseguente infrazione di passi fischiata a Perego mette la Gagà in una brutta situazione. La difesa non molla un centimetro e Orzinuovi mantiene il vantaggio anche nell’ultimo minuto. Va Perego a fare 2/2 in lunetta, poi replica Ruggiero quando mancano 39”. Risponde Pasqualin qualche istante dopo, ma poi la palla viene rimessa nelle mani sicure di Ruggiero , che torna in lunetta fare 2/2 a 29” dalla quarta sirena. Il punteggio è di 71-79, e la Gagà può accedere con una gara di anticipo alle semifinali.

Il commento a caldo del vice coach Nicola Scrigna: «Abbiamo fatto meno fatica rispetto a gara 1. Siamo stati bravi a mettere a posto l’attacco contro la zona, scegliendo con lucidità i tiri da provare. A far la differenza è però stata la determinazione e la voglia di vincere. Ringrazio a nome di tutti i tifosi accorsi a Vicenza per sostenerci. Se siamo stati in grado di innescare una marcia in più è stato anche grazie a loro».

Manuel Caldarese – Ufficio Stampa A.S.Dil. Pallacanestro Orzinuovi

Finale al cardiopalma, la GagàOrziBasket si aggiudica Gara 1 battendo Vicenza

Iniziano i playoff, ma la febbre di fine stagione sembra non aver reso più frizzante il gioco. Le difese si fanno sempre più dure, e nel primo quarto di questa gara 1 nessuna offensiva risulta veramente incisiva per entrambe le compagini. Al 10′ le percentuali parlano da sé: 0/2 da tre punti e 6/16 da 2 per Vicenza, mentre Orzinuovi tira un po’ meno con uno 0/4 da tre punti e un 5/10 da due. La differenza in questo istante la fa il 4/5 dalla lunetta per i padroni di casa, che segna il momentaneo 14-12. Il secondo quarto si apre con un canestro di Chiacig, ma subito dopo si scatenano le casacche rosse. Prima Valesin, poi Stefanini accompagnato da una tripla di Andrea Campiello e a concludere ancora Stefanini firmano il parziale del 2-9 che costringe al timeout coach Furlani (16-21 al 14′). La strigliata del ferrarese ha i suoi effetti, perché al rientro gli orceani riescono in poche azioni a trovare il pareggio firmato dalla tripla di Ruggiero al 17′ (23-23). Vicenza però non muore mai, neanche quando a 40” dalla seconda sirena viene fischiato un antisportivo ai danni di Stefanini, che fa cascare rocambolescamente Bona nella contesa a un rimbalzo e regala punti preziosi a Orzinuovi. Il canestro finale di Umberto Campiello mantiene infatti i vicentini a un solo possesso di distanza e in una situazione di sostanziale parità (30-27 al 20′). Il terzo quarto vede un Valenti scatenato, che segna 6 punti di fila, per poi lasciare spazio a Ruggiero, che con una tripla al 26′ firma il +12 per la Gagà (43-31). Fino alla terza sirena, però, Vicenza ha il tempo di risvegliarsi e lasciare spazio solo per un punticino messo a referto da Perego dalla lunetta, mentre Valesin ne fa 6 che, conditi dal temp-in finale di Stefanini rilanciano i vicentini sul 44-39. L’ultimo periodo inizia con una Gagà decisamente in canna. Prima Ruggiero da 3 punti, poi Valenti e ancora Ruggiero a seguire ristabiliscono il +12 che costringe coach Tisato al timeout (51-39 al 33′). La situazione viene subito ribaltata. Per 5′ c’è spazio solo per unta tripla di Motta al 35′, mentre Vicenza non si ferma conclude il parziale di 3-12 che riporta il risultato a un possesso di differenza (54-51 al 38′). Furlani chiama timeout per organizzare le ultime azioni, ma la filastrocca non cambia poi di molto. Perego va a fare 1/2 dalla lunetta, poi risponde Valesin con un 1/2 e un altro canestro che portano le casacche rosse a -1 quando mancano 15 secondo al termine (55-54). Il finale è di fuoco, possesso Orzinuovi, fallo su Bona e conseguente 1/2 dalla lunetta. Vicenza ha un’azione per provare a giocarsi l’overtime, ma il layout di Boaro trova solo il ferro. Orzinuovi mette in cassaforte gara 1, forse con qualche brivido di troppo.

Manuel Caldarese – Ufficio Stampa A.S.Dil. Pallacanestro Orzinuovi